Allergia all’acaro della polvere: norme di prevenzione

Gli Acari rappresentano la principale causa di allergie respiratorie di tipo perenne e si trovano soprattutto nella polvere domestica.

Si nutrono delle desquamazioni cutanee (forfora umana) per cui si concentrano soprattutto in materassi, cuscini, tendaggi, tappeti e nelle tappezzerie imbottite oltre che naturalmente in tutti quegli anfratti del pavimento difficilmente raggiungibili dalle pulizie domestiche.

La loro crescita è favorita da temperature non eccessivamente fredde e da un’umidità dell’aria medio-alta; questo spiega perché in alta montagna, dove l’aria è molto secca, gli acari sono praticamente assenti.

La loro proliferazione raggiunge il picco in Settembre-Ottobre. Sono soprattutto le loro feci ad avere potere allergizzante.

acari prevenzione

Pur essendo considerati allergeni perenni e quindi presenti tutto l’anno, nei mesi estivi la concentrazione di allergeni nelle abitazioni diminuisce, soprattutto perché le finestre vengono tenute aperte con conseguente aumento dei ricambi d’aria.

Il peggioramento dei sintomi allergici si verifica solitamente in corrispondenza dell’accensione dei caloriferi, che favorisce la circolazione dell’aria con rimessa in circolo delle feci degli acari.

Gli acari prediligono gli ambienti poco arieggiati, come per esempio le case di villeggiatura, dove riescono a crearsi un ecosistema ideale per la loro sopravvivenza.
I pazienti che risultano allergici all’acaro della polvere domestica dovrebbero seguire delle norme comportamentali di prevenzione:

  • Accurata e sistematica pulizia della casa con utilizzo di aspirapolvere.
  • Prodotti acaricidi (ad esempio schiume); naturalmente la loro efficacia sui disturbi dei pazienti allergici non è immediata.
  • Coperture anti-acaro. Si tratta di federe fatte con tessuti dotati di una trama speciale in grado di impedire il passaggio degli acari e delle loro particelle adatti a coprire i materassi.
  • Esporre i materassi al sole (come facevano le nostre nonne); questo aiuta ad abbassare drasticamente l’umidità del materasso. Inoltre la luce solare ha attività antibatterica e antifungina e quindi ha un effetto anti-acaro.
  • Si raccomandano, soprattutto ai bambini, delle lunghe permanenze in alta montagna per diminuire l’infiammazione bronchiale.

 

Desideri avere maggiori informazioni su questo argomento, ti occorre una nostra consulenza personalizzata?
logo heliosmedica
Contatta Helios Medica, garantiamo risposte in tempi rapidi.


Stampa   Email